Da sabato 20 aprile 2013, fino al 5 maggio, sarà allestita presso la Fondazione Amleto Bertoni di Saluzzo (CN) la mostra di relativa ai luoghi che nel settembre-ottobre 1944 furono teatro della terribile strage nota come “ di Marzabotto” ad opera delle truppe nazifasciste. Le vittime furono in maggioranza persone inermi, che subirono atti di particolare crudeltà ed efferatezza: i caduti civili furono circa ottocento, fra cui quasi quattrocento donne e duecento o ragazzi di età compresa fra pochi mesi e diciotto anni.

Le località interessate dalla strage, situate nel comprensorio di Monte Sole, furono una quarantina, appartenenti ai Comuni di Marzabotto, Monzuno e Grizzana Morandi, in provincia di Bologna. Le riprese fotografiche, tutte in bianco e nero, sono state effettuate da Aniceto nel periodo Ottobre 2012/Febbraio 2013 su idea e proposta di Carlo Alberto De Casa.

La si compone di quaranta stampe ed è stata realizzata con il sostegno del Comune di Saluzzo, della Fondazione Bertoni, dell’ANPI di Saluzzo e del Gruppo di Studi Gente di Gaggio di Gaggio Montano (BO). Sarà aperta al pubblico fino a domenica 5 maggio 2013. L’ingresso è libero.

Post correlati